TouchDesigner per la live performance (4)

>>> SIAMO ARRIVATI AL NUMERO MASSIMO DI ISCRIZIONI ANCHE PER QUESTA EDIZIONE. CERCHEREMO DI ORGANIZZARE NUOVE EDIZIONI NEL PROSSIMO FUTURO. <<<

TouchDesigner per la live performance
Workshop per la creazione di live performances e installazioni audiovisive.
A cura di Andrew Quinn.

Milano, sabato 19 e domenica 20 gennaio 2019

La finalità principale di questo workshop è quella di sperimentare l’utilizzo di un software potente come TouchDesigner per avviare progetti artistici multimediali di tipo interattivo.
Questa applicazione della Derivative, ai suoi massimi livelli viene utilizzata da artisti quali Moment Factory Carsten Nicolai (Alva Noto) e Robert Henke.
Non sono richieste doti di programmazione, il software visivamente si presenta a nodi di semplice connessione. Durante i due giorni del corso cominceremo ad esplorarne le potenzialità anche attraverso dispositivi di interazione come la Kinect e l’Oculus o sistemi DMX per il controllo delle luci led.

Andrew Quinn è un artista australiano che risiede a Milano, si occupa di grafica digitale ed è musicista. Ha curato gli effetti digitali di film quali “The Matrix” e “Tomb Raider”, “Nirvana” e “Vajont”. Negli ultimi anni si dedica a video-installazioni per ambienti multischermo e immersivi e alla grafica digitale interattiva per produzioni di spettacoli di danza e musica contemporanea. Nel 2011 ha curato i ‘sound reactive visuals’ per la serie Koine dei Pomeriggi Musicali, al Teatro dal Verme di Milano e nel 2012 per la Biennale della Musica a Venezia. Nel 2011 ha curato la scenografia virtuale per una produzione de “Il Castello di Barbablu’ ” per l’Opera Nazionale di Ungheria, prodotta da Francesco Stocchino Weiss.
E’ stato docente presso IUAV di Venezia, NABA di Milano, Quasar Istituto di Design di Roma e all’Australian Film School di Sydney, ANU Canberra. Tiene corsi di TouchDesigner per ‘live visuals’. Nel 2016 ha tenuto workshop al Conservatorio di Milano e alla Monash University
di Melbourne.

Data: sabato 19 e domenica 20 dicembre 2018
Luogo: iMasterArt – Via Torino, 60 – Milano – iMasterArt Academy
Durata: 12 ore, 2 giornate da 6 ore
DocenteAndrew Quinn (andrewquinn.org)
Lingua: italiano
Numero di partecipanti
: minimo 5, massimo 8
Strumenti richiesti ai partecipanti:
Macbook con sistema operativo OSX 10.12 o superiore
oppure Notebook con sistema operativo Windows
Mouse con tasto centrale o rotella (IMPORTANTE).
E’ anche molto importante, per questioni organizzative, che i partecipanti si presentino al corso con la versione di TouchDesigner099 installata e registrata sul proprio computer che si può scaricare gratuitamente qui: www.derivative.ca/099/Downloads/
Competenze richieste: Il livello è di base e non sono richieste particolari conoscenze in ambito informatico, è richiesta la conoscenza base del proprio sistema operativo Mac Osx o Windows.
Consigliamo vivamente i partecipanti di prepararsi al ws seguendo il tutorial di base al link: docs.derivative.ca

Contributo di partecipazione:
190,00 Euro (156,00 + Iva 22%) da versare entro il 11/01/2019
sul conto di Otolab Associazione Culturale, presso Banca Prossima
IBAN: IT25O0335901600100000100925
Causale: Partecipazione al ws TouchDesigner per la live performance (4)

Informazioni:
Andrew Quinn: info@andrewquinn.org
facebook.com/Andrew-Quinn-1600904606602203
Otolab: contacts@otolab.net

Download versione gratuita (Mac or PC):
www.derivative.ca/099/Downloads/Default.asp
Esempi di progetti realizzati con TouchDesigner:
www.facebook.com/TouchDesigner/posts/10154001422322579

Andrew Quinn, Auditorium San Fedele, 17 october 2016, Parmégiani “Tryptich”

Andrew Quinn, RomaEuropa festival, video installation interactive,
DeepDream NONE, 6/10 -17/11 2016


Alva Noto (Carsten Nicolai) at Ars Electronica 2010.
Visual developed with Wuestenarchitekten (Markus Heckmann)
and produced with TouchDesigner.

DEEP WEB, CTM 2016 Festival (Berlin), Christopher Bauder & Robert Henke

//

PROGRAMMA
(Programma completo: TouchDesigner-Milano.pdf)

Primo Giorno
– TouchDesigner, overview dell’interfaccia
– progetto con reattività ai suoni – audio spectrum vs. raw audio
– analisi segnale audio – peaks – smoothing
– utilizzo di dispositivi di tracking (leap motion),
– tipi di operatori, audio input, perform mode
– progettare la user interface e output al proiettore
Case study:
Utilizzo del leap motion controller per animare digital puppets
“Leap motion puppet” https://vimeo.com/204862470
pausa pranzo
– Introduzione al 3d
– animazione con audio-camera
– light COMP- render TOP transforming geometry
– illuminazione, utilizzo materiali, animazione, luci audio reactive
– audio reactive face animation – photoshop in
– noisy audio sphere
– importare geometry

Secondo giorno
– webcam effects – time warp – displace
– post fx: feedback – threshold
– base COMP- custom parameters
– emit particles da una sphere-particle SOP
– collegamento a controller MIDI
pausa pranzo
– TouchDesigner per la  live performance
– audio reactive
– leap motion
– outptut al LED via dmx – artnet controller.
– MIDI controllers – tastiera
– webcam


Scheda di iscrizione: TouchDesigner per la live performance (4)
 

Informativa sulla privacy

 

Annunci