Processing per creative coding

Processing per creative coding
Workshop a moduli di creative coding per installazioni e live
A cura di Matteo Taramelli

Modulo 1 | Sabato 9 e domenica 10 novembre 2019
Modulo 2 | Sabato 18 e domenica 19 gennaio 2020
Otolab, Milano

Il workshop propone una serie di lezioni pratiche d’introduzione a Processing, linguaggio di programmazione visuale open source e ambiente di sviluppo integrato generalmente usato negli ambiti di media art, computational design e architettura. 
Il corso è indirizzato a coloro che nutrono interesse per il creative coding e non hanno esperienza nella programmazione in Processing.
I partecipanti saranno guidati nella scoperta dei diversi aspetti di object-oriented programming con semplici esercizi da cui otterranno intuitivamente risultati grafici, animazioni e interfacce interattive.

Nella prima sessione si introdurrà brevemente il ruolo della computazione nel mondo dell’arte e del design, offrendo degli esempi in cui Processing ed altri strumenti di calcolo sono stati utilizzati per la produzione di video, grafiche, sculture e installazioni. A seguire, gli studenti inizieranno a scrivere con la guida del tutor, e tramite un approccio “learning-by-doing” verranno affrontati gradualmente diversi principi della programmazione, affiancati da immediati risultati visivi. Il secondo giorno si analizzeranno degli esempi di codice più complessi per comprendere come leggere, modificare e riutilizzare sezioni di script trovati nel web. Questo esercizio si propone di offrire agli studenti la possibilità di entrare in contatto con lavori più avanzati, da cui trarre ispirazione ed estrarre materiale utile per i propri elaborati. L’ultima parte del workshop verrà dedicata all’esercitazione individuale: gli studenti saranno incoraggiati a sviluppare nuove composizioni con pattern, animazioni ed elementi interattivi, basandosi su ciò che è stato appreso durante le lezioni.

In continuità con il primo weekend, la seconda sessione si prefigge di accompagnare i nuovi programmatori nella creazione di classi di oggetti personalizzati e nell’uso di librerie dedicate. Le librerie sono pacchetti di codice reperibili online che permettono di accedere a funzioni semplificate per assolvere compiti altrimenti onerosi da programmare ex novo. In particolare, verranno introdotte delle librerie che forniscono strumenti per la creazione di prodotti audio-visivi ed interfacce grafiche, utili a manovrare semplici animazioni in real-time. Con l’intenzione di rendere gli studenti autonomi nei loro progetti, l’ultimo giorno sarà principalmente operativo. Il tutor offrirà supporto individuale durante la fase di sperimentazione. In vista di una probabile esibizione dei lavori svolti durante il workshop, gli studenti saranno liberi di manipolare e trasformare gli script prodotti nei giorni precedenti e a produrre dei nuovi elaborati video.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Matteo Taramelli è dottore in architettura, artista visivo e computational designer. Il suo lavoro si concentra sulla creazione di video, performance audio-visive, installazioni e scenografie per teatro ed eventi culturali. Si è laureato presso il Dessau Institute of Architecture dopo aver completato il bachelor al Politecnico di Milano, dove ha collaborato con il dipartimento DiAP per una ricerca sull’uso di 3D Augmented Reality nel contesto di archeologia e pianificazione urbana. Per diversi anni ha lavorato come illustratore per la casa editrice Atlas. Nel 2013 ha iniziato a lavorare come art assistant allo studio di sound art Zimoun, dove ha seguito diversi progetti di sculture, spazi sonori immersivi e video animazioni. Dal 2014 è stato coinvolto nel collettivo d’arte performativa A Normal Working Day, con cui ha creato composizioni video, installazioni e grafiche procedurali. Nel mentre ha insegnato modellazione 3D e algorithmic design a vari workshop presso il Politecnico di Milano, il Dessau Institute of Architecture e il Kulturesk HKB di Berna. Nel 2016 si è unito alla compagnia di danza teatro Bernese Unplush, per cui ha prodotto diverse installazioni video e scenografie. Successivamente ha fondato, con altri componenti della compagnia, il collettivo Unplush Invites, un’associazione culturale che cura eventi transdisciplinari, fondendo atti performativi a musica elettronica sperimentale, arti visive e club culture.
Portfolio

Data prima sessione: Sabato 9 e domenica 10 novembre 2019
Data seconda sessione: Sabato 18 e domenica 19 gennaio 2020


Durata di ogni sessione: 12 ore, 2 giornate da 6 ore
Orari: 11.00 – 13.00 / 14.00 – 18.00
Luogo:
otolab c/o recipient.cc, via Villapizzone 10, Milano
Docente:
Matteo Taramelli
Numero di partecipanti: minimo 5, massimo 8
Strumenti richiesti ai partecipanti: Laptop con sistema operativo Windows, Linux o Mac OS X
Requisiti: Non sono richieste competenze negli ambiti della programmazione.
E’ necessario presentarsi al workshop con la versione di Processing 3 installata sul proprio computer. Il programma è open source e può essere scaricato gratuitamente al link:
https://processing.org/download
Per ulteriori informazioni su Processing, potete visitare il sito:
https://processing.org
Informazioni:
Matteo Taramelli: illemaratoettam@gmail.com

otolab: contacts@otolab.net


Contributo di partecipazione:

Modulo 1 • 9/10 novembre 2019 = 190,00 Euro (157,00 + Iva 22%)
Moduli 1+2 •
9/10 novembre 2019 + 18/19 gennaio 2020 = 366,00 Euro (300,00 + Iva 22%)
I contributi di partecipazione dovranno essere versati entro il 04/11/2019
sul conto di Otolab Associazione Culturale, presso BancaIntesa
IBAN: IT25O0335901600100000100925
Causale: Partecipazione al ws: Processing per creative coding (1) oppure (1+2)
Iscrizioni: Compilare e inviare il modulo a fondo pagina.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Programma del corso

Prima sessione
(9 e 10 novembre 2019)
– Panoramica sul ruolo di Processing nel mondo dell’arte e del design;
– Introduzione all’interfaccia dell’ambiente di programmazione e struttura base del codice;
– Esercitazioni pratiche per la produzione di composizioni geometriche,
animazioni e interazione con il mouse;
– Introduzione a ripetizione e variazione come logica compositiva
legata al metodo di programmazione.

Seconda sessione
(18 e 19 gennaio 2020)
– Tutorial sulla creazione di classi di oggetti e sull’uso di librerie esterne dedicate;
– Esercizi volti alla produzione di lavori audio-visivi ed interfacce interattive
per la modulazione di grafiche in real-time;
– Sperimentazione individuale con l’assistenza del tutor;
– Realizzazione di lavori video in vista di un’esibizione collettiva.



Scheda di iscrizione al workshop: Processing per creative coding

Informativa sulla privacy