Classe A


O / SPHERE
Live audiovisual performance

Ci sarà un rapporto tra realtà fisica, concreta e realtà virtuale, da 2D a 3D. Tutti viviamo in uno stato di disagio interiore, che sia per cose effimere o più complesse. Ci sarà dinnanzi al pubblico uno schermo sul quale verrà proiettata la ripresa dall’alto di un tavolo/piano in presa diretta con due braccia rilassate appoggiate a esso; nel centro del tavolo vi sarà inizialmente un vuoto per l’apparizione progressiva di un cerchio nero alimentato sempre più da biglie scure che, anch’esse, muteranno nel processo d’arrivo. L’idea è quella di creare il senso di pesantezza che si accumula nell’animo dell’essere umano. La realtà di tutti i giorni è vista da noi involontariamente in modo superficiale , all’interno del cerchio , al centro, si entra in una profondità di tipo percettivo. Le braccia, inizialmente tranquille e rilassate rappresenteranno la sensazione di disagio e tensione attraverso i muscoli e attraverso la gestualità. A lungo andare il cerchio prenderà il sopravvento su tutto, l’ansia sovrasta l’uomo, lo ingloba e le mani cercheranno di mantenere il controllo della sfera. Braccia e mani si uniscono al disagio. Attraverso suoni quali respiro profondo e campane tibetane, vi sarà un avvolgimento del pubblico a 360 gradi. Nel finale si tornerà alla superficialità in modo violento e veloce, le mani si tireranno via all’improvviso, lasciando il vuoto “digitale”. A inizio proiezione la luce sarà soffusa, mentre in seguito essa si abbasserà sempre più (a intermittenza), arrivando al buio più totale quando la sfera scura ingloberà il tutto. Nel ritorno alla superficialità , quindi in conclusione, le luci si accenderanno all’improvviso come un flash, con il cessare totale di ogni suono e rumore.

Regia: De Domenico, Cosoleto, Cavaleri, Cossari
Coordinamento: Bianchi
Sceneggiatura: Carpani, Bruno, Casati, Di Niccolo, Fadel
Visual performer: Rossetti, Curnis
Audio performer: Isgrò, D’Amato, Bortolussi
Motion designer: Bortolussi, Colonna, Cantò, Costanzi, Fadel, Di Niccolo, Cossari
Sound designer: Di Giovanni, Dolfi, Beghin, Dalla Noce, Isgrò, Cellie
Object designer: Calligaro, Curnis, Ciccarelli, Cosoleto
Light designer: Dalla Noce, Cantò, Colonna, Bortolussi, Casati, Capani
Direzione riprese: Caiuli, Campagnuolo, Cossari
Operatori riprese: Conti, Bruno, D’Amato, Rossetti
Comunicazione: Cavaleri, D’Amato, De Domenico
Tecniche audiovisive utilizzate: (da definire)

Link:
Facebook
Instagram 
Twitter

/

Primo brainstorming

Secondo brainstorming

Presentazione progetto


DATI E DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Leggi l’informativa sulla privacy