Industrial Music

In questo caso riportiamo il testo di Wikipedia data la sua completezza ed accuratezza:

La Musica industriale, conosciuta spesso con il nome inglese industrial music, è uno stile di musica sperimentale nato negli anni ’70 intorno all’etichetta discografica Industrial Records dei Throbbing Gristle e sviluppato da una ristretta cerchia di artisti inglesi ed americani[1]. Negli anni successivi tale approccio si diffuse in tutto il mondo occidentale ed in parte dell’Asia, evolvendo nelle molte varianti della musica post-industriale.

industrial music einsturzende

Parallelamente alle esperienze della Industrial Records, altri artisti svilupparono intuizioni similari, inserendole però in impostazioni più tipicamente Rock e meno esplicitamente sperimentali e rumoristiche. Per tali gruppi, la critica musicale utilizzerà in seguito, il termine Industrial rock[2].

I termini Musica industriale, Industrial music o Industrial, vengono spesso utilizzati genericamente per definire gruppi appartenenti ai vari sottogeneri del panorama post-industriale.
(…)

All Music Guide la definisce come “la combinazione più abrasiva di rock e musica elettronica” che ai suoi esordi si presenta come una “combinazione di esperimenti elettronici di avanguardia (tape music, musica concreta, rumore bianco, sintetizzatori, sequencer, ecc) e provocazioni punk.”[3] Piero Scaruffi parla di una sintonia di vedute dell’Industrial con il punk e con parte della new wave americana, pur applicando una sostanziale sostituzione della classica formazione chitarra, basso, batteria in favore di strumentazioni quasi totalmente elettroniche. “Lo spirito era ribelle e oltraggioso proprio come il punk-rock, ma il suono era difficilmente classificabile all’interno del panorama rock.”[4] L’industrial mescola elementi della musica colta con la musica pop, traendo inizialmente ispirazione dal krautrock, di gruppi quali Faust, Can e Neu! e dal rock psichedelico, ma anche e soprattutto dall’esperienza che Lou Reed portò con Metal Machine Music, dalle esperienze di musica concreta di John Cage e dalla musica contemporanea di Karlheinz Stockhausen. Pesano poi sul genere influenze quali le avanguardie artistiche del primo ‘900 (come il dadaismo, il situazionismo, e soprattutto la performance art e Fluxus), la beat generation e soprattutto William S. Burroughs e Brion Gysin, i libri di autori dell’ondata new wave della fantascienza degli anni sessanta come Philip Dick e James Graham Ballard, la filosofia postmoderna di Jean Baudrillard, Michel Foucault, Gilles Deleuze e Felix Guattari[5] e tutte quelle sottoculture dedicate all’esoterismo e/o alle paranoie cospirazionistiche.

Jon Savage, giornalista e studioso delle controculture pop, nell’introduzione del Manuale di Cultura Industriale elenca 5 punti che riassumono l’atteggiamento e il modus operandi della scena Industrial:

  • Autonomia organizzativa: La ricerca indispensabile di circuiti alternativi sul modello della Mail art per la circolazione di idee e produzioni.
  • Accesso all’informazione: La consapevolezza che è sulla base della quantità di informazioni che si riescono a far circolare che si svolge la battaglia per la sopravvivenza politica nell’epoca del postmoderno.
  • Anti-musica: La rimozione di ogni apparenza di gradevolezzanel tentativo di riformare la canzone pop.
  • Utilizzo di elementi extra-musicali: l’utilizzo di voci e immagini rubate dai media ufficiali, applicando in campo musicale ciò che venne teorizzato da William S. Burroughs come tecnica del Cut-up.
  • Tattiche di choc: L’uso di tematiche scomode e non popolari”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...